Speciali

L'invasione "mediatica" degli Space Invaders

Dovremmo prepararci ad accoglierla anche noi.

Che cos'è? Si tratta di un progetto, o meglio un'iniziativa, che ha come fine quello di liberare l'arte dalle costrizioni museali, dai luoghi chiusi per fare trovare ad essa una via di uscita più libera e, per così dire, più areosa.

Online dal: 23/12/2015

Gli anni 70 e 80 sono anni di sviluppo per l'industria del gaming e proprio in quegli stessi anni ci furono alcuni videogames che presero piede come Pac-Man degli anni 80 oppure Tetris del 1984. Sembra dunque più che normale parlare di un'età dell'oro dei videogames, soprattutto, se si prende in considerazione proprio l'anno di nascita degli Space Invaders, visto che dal 1983 inizia un periodo un po' critico per i videogiochi.

Di certo, molti si ricorderanno proprio degli Space Invaders, di quei “mostricciattoli” che bisognava per forza eliminare nel videogame arcade del 1978. I mostriciattoli alieni che ci hanno affascinato con i loro pixel, furono creati e sviluppati da Toshihiro Nishikado, laureato in ingegneria, si specializzò soprattutto in circuiti per le televisioni. Nishikado che oggi ha 71 anni ci ha regalato uno tra i videogiochi più famosi e rilevanti al mondo.

Eppure quando decise di entrare a far parte della Taito, non avrebbe mai pensato di occuparsi di video game. Il successo lo colse in modo inaspettato e si sa, che a volte accade così.

In una intervista del 2013 comparsa su un noto quotidiano, Tomohiro Nishikado ha rivelato la sua incapacità di giocare con i videogames, cosa davvero strana per il creatore di quello che fu il videogioco per eccellenza degli anni 70. Un segreto che è riuscito a conservare per 35 anni e che solo due anni fa ha deciso di condividere con i propri lettori.

Forse, qualcuno potrebbe pensare che questa sua dichiarazione potesse essere legata ad un difficoltà dipesa dall'età, ma il fatto che Nishikado abbia voluto affermare soltanto adesso di non essere mai riuscito ad andare oltre al primo livello, potrebbe incoraggiare tutti quelli che non sono mai riusciti ad arrivare alla fine del gioco.

L'apparente semplicità del videogame nasconde in realtà una difficoltà che non è indifferente. I più famosi alieni di pixel vennero concepiti per essere disegnati con dei tratti semplici e lineari, compatibili con le timide capacità computazionali del periodo, ed è proprio per questo che hanno avuto tutto il successo che ancora meritano.

Ciò su cui si vuole porre qui l'accento è che gli Space Invaders non sono soltanto degli alieni da eliminare per acquisire punteggio (cosa per cui non tutti potrebbero essere d'accordo) poiché esiste anche un interessante progetto, lo Space Invaders Project.

Che cos'è? Si tratta di un progetto, o meglio un'iniziativa, che ha come fine quello di liberare l'arte dalle costrizioni museali, dai luoghi chiusi per fare trovare ad essa una via di uscita più libera e, per così dire, più areosa.

Per questo progetto l'importante è tradurre l'arte in libertà. Gli Space Invaders, infatti, intendono creare arte nei luoghi più strani delle città utilizzando la tecnica del piastrellamento simile all'antica tecnica del mosaico che si discosta da essa solo per gli oggetti, o meglio per le immagini rappresentate.

Il soggetto è l'attore di questa invasione artistica delle città che non riguarda solo gli Stati Uniti ma anche il resto del mondo, Europa, Asia, America del Sud, Africa e Australia. In totale le città invase sono 65 e ogni città ha un suo punteggio che va da 10 a 100 a seconda di ogni nuovo mosaico installato.

In un'epoca in cui la tecnologia è al centro di tutto, queste “creature pixelliane” - cioè fatte di pixel - sono come delle opere d'arte, diventando delle icone originali. Sotto tutti gli aspetti, gli Alieni Digitali si trasformano in mosaici reali, con delle sembianze che si rifanno proprio a quelle dello sviluppatore Taito, il papà del noto videogame.

L'importante per Space Invaders Project è dimostrare che si è stati in quel luogo e che si è voluto lasciare come souvenir il proprio Space Invader. Il tutto funziona proprio come nel videogame, anche se al posto dell'ambiente digitale, si ha come luogo d'azione una realtà urbana.

Se si è stati nella stessa città già una volta, non è affatto un problema, perché il bello è sia creare dei mosaici nuovi, sia riuscire a scoprire che sono apparsi magicamente altri space invaders magari lasciati precedentemente da altri “invasori”.

Non si tratta di una gara, è semplicemente un game, o meglio un nuovo modo di fare gaming con arte. Al centro di tutto il progetto c'è la propria personale iniziativa e la voglia di entrare a farvi parte attivamente.

Speriamo solo che questa forma d'arte abbia continuità anche per il prossimo anno e che le creature nate da questo bel progetto non debbano finire per essere rimosse dalle autorità perché si tratta solo di una forma moderna e giocosa di mosaico. Come dire, l'anno sta per finire ma...The game is not over.

  • Comunicazione

    Empatia e senso di appartenenza in un Team

    Il mondo è cambiato, la società sta cambiando e,ovviamente, anche il modo di “guidare” e “condurre” gli altri verso degli obiettivi è profondamente cambiato.Uno dei segni tangibili di questa “rivoluzione”? È proprio la rivalutazione delle Emozioni!

    L'empatia, come skill fondamentale per far parte di un team.

    Online dal: 19/09/2018

  • Opportunità

    Mindfulness: che cos’è? A cosa serve? E’ possibile attuarla sul luogo di lavoro?

    Oggigiorno si sente sempre più spesso parlare di “Mindfulness”. Ma cosa significa questo termine? Cosa si vuole indicare con esso? Scopriamolo insieme in questo articolo dedicato a questa nuova consapevolezza che sta entrando sempre più nella vita dei nostri giorni e che mira a cambiarla in modo costruttivo e positivo

    La Mindfulness, una nuova consapevolezza entra nel luogo di lavoro

    Online dal: 19/09/2018

  • Infografiche

    L'unione fa la forza!

    Motivazione, buon senso e impegno attivo sul luogo di lavoro.

    Online dal: 19/09/2018

  • Infografiche

    Gli adolescenti e il sesso nell'era del sexting

    Come gli smartphone stanno rivoluzionando il linguaggio del sesso

    Uno sguardo su numeri, app, hashtag e simboli che caratterizzano il fenomeno del sexting fra gli adolescenti.

    Online dal: 30/04/2018

  • Click

    Huawei presenta Harmony

    Huawei svela il suo sistema operativo che sostituirà Android sugli smartphone dell’azienda cinese

    Online dal: 11/08/2019

  • Click

    Telefoni del futuro? Sempre più basic!

    Gli smartphone del futuro non avranno moltissime funzioni, non costeranno tanto e saranno sempre più “basic”

    Online dal: 29/07/2019

  • Click

    Addio, Andrea!

    Morto il grande scrittore Andrea Camilleri, papà del commissario Montalbano che ha fatto amare la nostra Sicilia da tutto il mondo

    Online dal: 17/07/2019

  • Click

    Google sempre più poliglotta: ben 88 lingue!

    Google potenzia il suo traduttore istantaneo integrato nella fotocamera, proprio in vista delle vacanze estive

    Online dal: 15/07/2019

Fareweb news è la newsletter trimestrale di Netdesign inviata via mail a clienti, collaboratori e simpatizzanti.

Iscriviti per ricevere aggiornamenti ed il nostro punto di vista su:

Iscriviti alla newsletter Fareweb news

NOTA: Tutti i campi sono obbligatori

Nota: Al click sul bottone verrai automaticamente reindirizzato al sito newsletters.netd.it dove potrai confermare la tua iscrizione.

Event Analytics

Event Analytics

La libreria javascript Open Source espressamente progettata per registrare i comportamenti degli utenti durante la consultazione di una pagina web.

Event Analytics si interfaccia con Google Analytics o Piwik e permette di tracciare qualsiasi tipo di interazione dell'utente con gli elementi dell'interfaccia grafica.

  • Sicurezza:
    Consigli utili per migliorare la sicurezza informatica dei propri dispositivi e delle proprie informazioni mentre si è connessi. La rete è un luogo meraviglioso ma al contempo insidioso, in questa sezione vogliamo condividere alcuni consigli per migliorare la sicurezza online.

  • Comunicazione:
    Siamo ormai nell'era della Comunicazione sempre più digitale, comunicare vuol dire esistere e l'efficacia della propria comunicazione può anche essere misurata con precisione. Cosa piace ai tuoi clienti? In Comunicazione pubblichiamo articoli e risorse che affrontano questi temi anche dal punto di vista delle attività di web marketing. Leggi gli articoli.

  • Infografiche:
    Tendenze e statistiche sul mondo di Internet presentate sottoforma di infografiche e visual data. La sezione contiene infografiche su argoment inerenti e correlati al web, social media ed innovazione

  • Opportunità:
    Trend, sfide, innovazioni, report e consigli sul mondo digital. Cogli nuove opportunità, resta aggiornato su #Fareweb news.

  • Speciali:
    Contenuti pubblicati sui numeri speciali di #Fareweb news

Gestisci la tua attività con

Ufficio Cloud

Ufficio Cloud supporta l'imprenditore ed il management aziendale nelle principali attività per la gestione d'Impresa, scopri di più su Ufficio Cloud